Blog

Tutto quello da sapere sullo sbiancamento dentale

Tutto quello da sapere sullo sbiancamento dentale

Che cosa è lo sbiancamento dentale?

Lo sbiancamento dentale è un trattamento estetico che mira a ripristinare un colore più naturale e armonico degli elementi dentali. Per lo sbiancamento, vengono utilizzate sostanze a base di perossido di idrogeno o di carbammide in diverse concentrazioni a seconda del grado di sbiancamento necessario e a volte in più sedute distanziate nel tempo.

Il trattamento si effettua applicando queste sostanze sotto forma di gel sui denti da sbiancare, che tramite un processo chimico liberano molecole di ossigeno che neutralizzano i pigmenti alla base delle macchie dentali. L’attivazione può essere esclusivamente chimica oppure utilizzando lampade a led o laser. Prima dello sbiancamento è sempre necessario sottoporsi ad una visita per valutare la necessità e l’indicazione al trattamento; è indispensabile una seduta di igiene.

È vero che i denti si rovinano?

Con lo sbiancamento, se effettuato nel modo corretto presso il proprio dentista di fiducia, non è presente alcun effetto negativo sulla dentatura e sullo smalto che mantiene intatte le proprie caratteristiche di mineralizzazione.

Esistono controindicazioni allo sbiancamento? Può essere pericoloso?

Prima di sottoporsi allo sbiancamento è necessaria sempre una valutazione odontoiatrica in cui si valuta qualunque tipo di controindicazione al trattamento, quale una forte sensibilità dentale, gravi erosioni dello smalto, otturazioni molto estese specie sui denti anteriori e gravi recessioni gengivali.

Si sconsiglia sotto i 18 anni perché i denti sono ancora immaturi e più soggetti a sensibilità e nelle donne in gravidanza. Se escludiamo queste condizioni, il trattamento è sicuro.

Il risultato è assicurato?

Ogni dentatura e a volte ogni elemento dentario presentano un diverso colore dello smalto superficiale e di conseguenza anche il risultato è condizionato e dipende dal colore di partenza. Il risultato migliore si ottiene in quelle bocche in cui si è verificato un ingiallimento nel corso del tempo.

È vero che lo sbiancamento è doloroso?

Assolutamente no. Non sarà doloroso perché si effettua sui tessuti duri, isolando correttamente le gengive e i tessuti molli. E’ possibile che ci sia una sensibilità transitoria dei denti nelle ore o massimo nei tre giorni successivi al trattamento.

Quanto dura il risultato?

La durata non è facilmente prevedibile e dipende molto dalle abitudini alimentari (caffè, tè), fumo e igiene orale. Solitamente può durare un anno o più. È poi possibile ripetere il trattamento quando l’effetto sarà finito.

 

Ricorda di evitare sbiancamenti fai da te o con kit acquistati online e rivolgiti sempre ad uno specialista se vuoi evitare rischi per i tuoi denti!

PRENOTA UNA VISITA

    +39 0471 168 1441

    È un'emergenza? Chiamaci!