Trattamenti

Sbiancamento o Dental Bleaching

Lo sbiancamento dentale è il trattamento estetico per elezione in odontoiatria e anche uno dei più richiesti.
Una panoramica sullo sbiancamento

Illuminiamo il tuo sorriso

La bellezza del sorriso è quasi sempre associata al bianco dei nostri denti. Purtroppo essi, con il tempo, assorbono pigmenti dal cibo, dalle bevande, dai collutori e dal fumo con una riduzione della loro luminosità e spesso una discolorazione, apparendo più gialli.
l'importanza dello sbiancamento dentale

Ritrovare il colore naturale dei propri denti

Le discromie dei denti possono essere superficiali (tabacco, caffè, tè) oppure più profonde (derivate da farmaci). Lo sbiancamento è un trattamento odontoiatrico estetico che consente ai nostri denti di acquisire un colore più bianco, splendente e naturale. Può essere realizzato sia su denti vitali, sia su denti devitalizzati ma sempre e solo sui denti naturali. Lo sbiancamento si realizza utilizzando prodotti che liberano ossigeno a contatto con il dente e l’assorbimento di esso da parte di smalto e dentina consente la disgregazione delle molecole responsabili delle discolorazioni dentarie.

Dentifrici e altri prodotti sbiancanti possono agire solo sulla superficie del dente ma non possono agire in nessun modo all’interno di esso.

Benefici del trattamento

I benefici di un trattamento sbiancante sono sicuramente quelli di donare al nostro sorriso una migliore estetica e luminosità.

Fasi principali

Prima di sottoporsi allo sbiancamento dentale è fondamentale aver effettuato una visita dallo specialista affinché valuti se è possibile effettuare tale tipo di trattamento estetico o meno.
È quasi sempre necessaria l’esecuzione, subito prima, di una seduta di igiene professionale per la rimozione di tartaro ed eventuali macchie di fumo.

Lo sbiancamento chimico con ossigeno si divide in due tipi diversi: quello professionale e quello domiciliare.

Il primo, chiaramente si svolge all’interno dello studio odontoiatrico dal dentista o dall’igienista mediante prodotti chimici (generalmente perossido di idrogeno) che possono essere attivati o meno da una fonte luminosa (per esempio quello a led o laser). Lo sbiancamento professionale risulta essere più veloce ed efficace rispetto a quello domiciliare. Lo sbiancamento a led sfrutta la luce fredda per attivare in 20 minuti un gel sbiancante a base di perossido di idrogeno che viene applicato sui denti dallo specialista durante la seduta di sbiancamento.

Lo sbiancamento domiciliare invece, viene svolto a casa dal paziente mediante l’uso di prodotti specifici.
Per effettuare questo tipo di sbiancamento, vengono realizzate dal dentista delle mascherine in silicone morbido fatte su misura, che riproducono la forma delle arcate del paziente.
All’interno di queste mascherine viene inserita la giusta quantità di sostanza sbiancante (perossido di carbammide) a bassissime concentrazioni e si procede all’applicazione sui denti.

Applicando le mascherine per un tempo che può andare dai 30 minuti alle 4-8 ore secondo indicazioni del dentista, e ripetendo il tutto per circa una settimana, si ottiene un ottimo effetto sbiancante.

Prenota una visita

    FAQ

    Domande Frequenti

    Lo sbiancamento dentale è doloroso?


    No non lo è, durante il trattamento il paziente non avverte alcun tipo di fastidio. Solo dopo il trattamento potrà verificarsi una leggera sensibilità ai denti di breve durata (pochi giorni).

    Lo sbiancamento è un trattamento definitivo o ha una durata?

    Lo sbiancamento può durare fino a massimo due anni, a seconda del comportamento del paziente e dei cibi che vengono consumati. Se il paziente è fumatore chiaramente la durata sarà molto più breve.

    Quali sono le controindicazioni al trattamento?


    Le principali controindicazioni al trattamento sono la presenza di carie, sensibilità dentale e gravidanza. In presenza di carie è prima necessario curare le stesse per procedere al trattamento. Se, invece, il paziente soffre di sensibilità dentale importante è meglio evitare il trattamento per non peggiorare la condizione già presente. In caso di gravidanza è sempre sconsigliabile eseguire un trattamento sbiancante perché non esistono sufficienti studi a riguardo per garantirne la sicurezza.