Trattamenti

Parodontologia

La parodontologia è quella branca dell’odontoiatria che si occupa della prevenzione, diagnosi e cura delle malattie che colpiscono i tessuti di sostegno del dente, ovvero il parodonto.
Una panoramica sulla parodontologia

Prendersi cura delle gengive

La gengivite è un’infiammazione reversibile delle gengive ma, se trascurata, potrebbe trasformarsi in parodontite. La parodontite, nota anche come piorrea o malattia parodontale, è una malattia infiammatoria che colpisce i tessuti parodontali più profondi.
Il parodonto è costituito da gengiva, legamento parodontale, osso alveolare e cemento radicolare.

Tra i sintomi che possono fungere da campanello d’allarme ci sono: sanguinamento delle gengive, dolore durante la pulizia ordinaria dei denti, alitosi. Se non viene diagnosticata e trattata in tempo la parodontite può causare la perdita dei denti.

paradontologia cos'è e quali sono i benefici

Fattori di rischio per le gengive

Le malattie parodontali sono causate da un’igiene orale non adeguata e da altri fattori "di rischio" quali fumo di sigaretta, diabete e predisposizione familiare.

L’accumulo di batteri tra denti e gengiva sotto forma di placca batterica, se non rimossi adeguatamente, possono trasformarsi in tartaro.

I batteri possono provocare distruzione dei tessuti parodontali con la formazione di una tasca parodontale e mobilità dentale, evolvendo nella perdita del dente.

Benefici dei trattamenti parodontali

La malattia parodontale (comunemente chiamata piorrea) è ampiamente diffusa nella popolazione e più frequentemente colpisce soggetti di età superiore ai 35 anni.

La malattia parodontale è la maggiore causa di perdita degli elementi dentari negli adulti. Questa condizione è scarsamente percepita dai pazienti perché nelle sue fasi iniziali non comporta alcun dolore o altri disagi e viene diagnosticata frequentemente durante una normale seduta di igiene orale o un controllo.

Quando la placca batterica si accumula sul solco gengivale e non viene rimossa adeguatamente, la gengiva che circonda l’elemento dentario si infiamma cambiando colore e consistenza, con gonfiore e sanguinamento.
Si viene a creare quindi una condizione chiamata gengivite che è reversibile: se ne guarisce, senza conseguenze, entro un certo lasso di tempo (circa 6 mesi).

Se la causa batterica non viene rimossa entro questo periodo, allora la gengivite si trasforma in irreversibile perché l’infiammazione va a coinvolgere i tessuti intorno alla radice del dente e l’osso fino a provocare distruzione di essi e mobilità sempre più marcata del dente. La malattia parodontale può quindi portare alla perdita dell’elemento stesso.

I campanelli d’allarme della malattia parodontale sono sanguinamento gengivale, mobilità dei denti, dolore allo spazzolamento e alito cattivo.

Sembra chiaro quindi che prevenire e curare la malattia parodontale consente una durata sicuramente maggiore dei propri denti naturali.

Fasi principali

L’igiene orale periodica, con sedute cadenzate e personalizzate di igiene professionale nello studio odontoiatrico, unite ad una corretta igiene domiciliare comprensiva di tutti gli strumenti consigliati dall’odontoiatra e dall’igienista dentale, sono alla base della prevenzione di questa malattia.

Una volta insorta la malattia e diagnosticata con un esame clinico, con misurazione di eventuali tasche parodontali (uno spazio aumentato fra dente e gengiva in cui si accumula la placca batterica), esami radiografici specifici per valutare le condizioni dello spazio parodontale e dell’osso circostante il dente, si decide per un protocollo terapeutico di cura e mantenimento della salute parodontale.

La terapia può essere non chirurgica o chirurgica a seconda della gravità del caso.

Prenota una visita

    FAQ

    Domande Frequenti

    La malattia parodontale può causare problemi di salute generale?


    I batteri della malattia parodontale sono in grado di diffondersi tramite le gengive nel circolo ematico, producendo una risposta infiammatoria locale.

    Secondo studi recenti sembra esistere un nesso fra salute orale e salute cardiovascolare. I batteri che entrano nel circolo sanguigno potrebbero agire su valvole e vasi cardiaci alterandone la funzione.

    L’alito cattivo può dipendere dalla malattia parodontale?

    Esistono molte cause che provocano l’alitosi e sicuramente la malattia parodontale, in cui si assiste ad una proliferazione dei batteri sui denti e nelle tasche parodontali, è una di queste.

    Le donne in gravidanza sono più a rischio di ammalarsi di malattia parodontale?


    Durante la gravidanza gli sconvolgimenti ormonali che la donna subisce possono indebolire le gengive con aumento di volume e sanguinamento. In questo delicato periodo è quindi particolarmente importante il mantenimento di una buona igiene orale con sedute di detartrasi periodiche.

    Numerosi studi scientifici, infatti, hanno dimostrato che infezioni non controllate come la parodontite possono determinare parti prematuri e nascita di neonati sottopeso.