Trattamenti

Ortodonzia

L'ortodonzia è una branca dell'odontoiatria che comprende la diagnosi e il trattamento delle anomalie della posizione dei denti e delle ossa mascellari.
Una panoramica sull'ortodonzia

Denti allineati per la nostra salute.

L'ortodonzia si occupa di diagnosticare e prevenire le anomalie della posizione dei denti e delle ossa mascellari.

Una corretta posizione dei denti e della relazione tra le arcate dentarie favorisce il mantenimento della dentatura nel tempo, una masticazione efficiente e un sorriso armonico.

ortodonzia cos'è e quali sono i trattamenti

I denti crescono con noi

I denti, come il resto del corpo, sono soggetti a cambiamenti per tutta la vita: per mantenere la corretta posizione della dentatura sono fondamentali visite di controllo periodiche, che servono a valutare la necessità di apparecchiature di mantenimento.

Una malocclusione (denti dell’arcata superiore non perfettamente allineati con quelli dell’arcata inferiore) può essere corretta in modo molto più semplice ed efficace se diagnosticata durante la crescita.

Benefici dei trattamenti ortodontici

Qualità della vita e autostima

La correzione di problemi trasversali, come il palato stretto, migliora la respirazione, porta un beneficio per la salute generale e migliora la qualità di vita.

L’allineamento dei denti può inoltre aumentare l’autostima, perché il sorriso racconta le nostre emozioni.

Qualità della respirazione e del sonno

L’ortodonzia svolge oggi anche un ruolo fondamentale nella prevenzione e trattamento del russamento e della Sindrome da Apnee Ostruttive del Sonno (OSAS), poiché una corretta conformazione delle arcate dentarie e della relazione tra le ossa mascellari favorisce la corretta respirazione.

I dispositivi ortodontici possono ridurre russamento e apnee anche in pazienti adulti.

Per questi motivi è molto importante effettuare una valutazione ortodontica in età prescolare.

Diagnosi e terapie

Quando è utile effettuare il primo controllo ortodontico?

La visita ortodontica è molto importante già dalla prima infanzia per verificare il corretto sviluppo delle arcate dentarie.

Il trattamento ortodontico durante la crescita, grazie all’utilizzo di apparecchi funzionali, favorisce il corretto sviluppo delle arcate dentarie e delle ossa mascellari.

Come avviene la prima visita?

L’ortodontista esegue uno studio del paziente avvalendosi di radiografie, fotografie e modelli tridimensionali delle arcate dentarie.

Tale studio è fondamentale per eseguire una corretta diagnosi e pianificare un trattamento ortodontico che porti i massimi benefici con il minimo sforzo e il minimo fastidio per il paziente.

Come si curano i problemi ortodontici?

Le malocclusioni possono essere trattate con diverse tipologie di apparecchiature ortodontiche e con tecniche consolidate, e si interviene con la chirurgia solo nel caso di gravi patologie: la prevenzione svolge un ruolo essenziale per ridurre le possibilità di interventi più invasivi.

Se diagnosticati per tempo, molti problemi si risolvono con la semplice applicazione di apparecchi.

Prenota una visita

    FAQ

    Domande Frequenti

    È sufficiente un apparecchio ortodontico per correggere i difetti di allineamento dei denti?

    Non sempre è sufficiente il trattamento ortodontico per correggere le malocclusioni, talvolta è necessario un intervento chirurgico, come nel caso di denti soprannumerari (numero di denti che eccede la formula dentaria normale) o denti inclusi nell’osso, oppure gravi alterazioni delle ossa mascellari.


    Nel caso di mancanza di denti, invece, può essere necessario un trattamento ortodontico per consentire la riabilitazione protesica.

    A che età si deve intervenire con trattamenti ortodontici?

    Il trattamento ortodontico è possibile a ogni età. Dal completamento della permuta dentaria, che avviene a circa dodici anni, è possibile eseguire un trattamento che corregga tutta la dentatura permanente. Una visita ortodontica è fondamentale per capire quando è il momento giusto per iniziare la terapia ortodontica più adatta.

    Cosa succede se i denti superiori e inferiori non si chiudono correttamente tra loro?

    Quando la mandibola e la mascella si posizionano rispettivamente troppo in avanti o troppo indietro tra loro, parliamo di malocclusioni di terza classe scheletrica, che comportano una chiusura non corretta dei denti.

    Le conseguenze possono essere difficoltà nella masticazione, affollamento dei denti con predisposizione alla carie, tendenza a respirare con la bocca.

    Il trattamento precoce delle malocclusioni può evitare un intervento chirurgico mascellare a fine crescita: l’utilizzo di appositi apparecchi correttivi accompagna lo sviluppo scheletrico del bambino per evitare l’aggravarsi del problema.

    I trattamenti ortodontici sono dolorosi?

    I trattamenti ortodontici sono poco invasivi, e quindi comportano solo dei fastidi. Gli apparecchi moderni sono sempre più performanti e richiedono un breve periodo di tempo perché il paziente si abitui alla loro presenza.

    Nel caso di patologie molto gravi, il trattamento chirurgico avviene con anestesia per annullare il dolore.